Tu sei qui: Home News “Proteggere chi è fragile, cammino da fare insieme”

“Proteggere chi è fragile, cammino da fare insieme”

Il sindaco Bongiorno saluta il nuovo vescovo Giovanni Nerbini

Il saluto del sindaco di Cantagallo, Guglielmo Bongiorno, per l’arrivo del nuovo vescovo Giovanni Nerbini.

 

Se c’è una qualità e un impegno che caratterizza la comunità di Cantagallo e le scelte della sua amministrazione comunale è l’apertura e la disponibilità al dialogo. Anche per questo siamo contenti di salutare e accogliere il nuovo Vescovo Giovanni Nerbini. Insieme, pur nelle differenze dei compiti, sapremo collaborare per il bene comune.

Il nostro è un territorio speciale nella Valle del Bisenzio, caratterizzato dalla sua vastità, che lo pongo al centro tra le aree di Prato, Firenze, Pistoia e Bologna. Aspetti positivi e negativi si intrecciano: godiamo della straordinaria ricchezza delle risorse naturali ma anche della complessità e della fatica di vivere in una terra fragile e distante dalle opportunità delle aree urbane. L’impegno, allora, deve essere quello di salvaguardare il territorio, tutelare la comunità e proteggere i soggetti più fragili.

Ecco perché l’amministrazione comunale di Cantagallo con convinzione sta contribuendo alla ricostruzione di Mezzana con il progetto Tuttoèvita. Qui la Comunità dei Ricostruttori sta recuperando l’antico borgo per farne un luogo di dialogo e convivenza tra persone di religioni diverse, uno spazio sostenibile di incontro, dove si accompagna la malattia e il fine vita in un contesto naturale unico. Ci sembra questo un modo significativo di guardare al futuro, andando oltre gli stereotipi per recuperare il valore autentico e il rispetto profondo per le persone.

E’ quindi con grande piacere e nella convinzione di un lavoro comune da fare insieme che le rivolgo - a nome della comunità di Cantagallo - un fraterno saluto di benvenuto.

 

Guglielmo Bongiorno, sindaco di Cantagallo

 

Azioni sul documento