Tu sei qui: Home News Acquerino-Cantagallo, piano per punti sosta e ristori attrezzati

Acquerino-Cantagallo, piano per punti sosta e ristori attrezzati

Interventi in aree forestali e boscate per circa 150 mila euro per potenziare l’accoglienza della riserva ai visitatori anche per il pernottamento

Intervento nella riserva Acquerino-Cantagallo

 Il Comune di Cantagallo ha pronto un piano per la realizzazione di punti ristori e di sosta attrezzati nell’area di accesso alla riserva naturale Acquerino-Cantagallo candidato al finanziamento del Piano di sviluppo rurale con la misura 8.5 della Regione Toscana a fine agosto e in attesa dell’assegnazione del punteggio in graduatoria.

“Il progetto punta a migliorare la fruizione dei territori forestali e boscati attraverso la sistemazione dell’area attrezzata esterna al centro visite della Riserva – spiega il sindaco Guglielmo Bongiorno - L’obiettivo è potenziarne l'utilizzo sociale e ricreativo e consentire a turisti e visitatori di utilizzare infrastrutture utili anche alla sosta e al pernottamento”.

Saranno realizzati punti di ristoro attrezzati, piazzole di sosta e aree pic-nic, punti di erogazione di acqua e corrente elettrica e un piccolo fabbricato con servizi igienici e docce. In più saranno installate cartellonistica divulgativa e segnaletica informativa anche di tipo tattile (per non-vedenti e ipovedenti) e sarà dotata di rete wi-fi ad uso sia dei visitatori che degli operatori forestali. Un intervento che potenzia la funzione di snodo fisico dell'area attrezzata tra le attività del centro visite e la fruizione della Riserva da parte di turisti e visitatori e crea un raccordo tra le attività didattiche e divulgative svolte da Legambiente (che dal 2017 gestisce il centro visite) e l'esperienza di conoscenza del bosco.

L’intervento prevede nuovi arredi in legno, tavoli e panche, realizzazione di parcheggi, recinzione e servizi igienici, strutture per la sosta temporanea di biciclette e interventi per la regimazione delle acque superficiali con un costo complessivo intorno ai 150 mila euro.

L’ampia area esterna a servizio del centro visite si trova immediatamente a confine con quella boscata della riserva e rappresenta il punto di partenza di un percorso che si snoda nella riserva e conduce al rifugio di Cave. Attualmente è già in parte utilizzata come parcheggio auto per i visitatori e in parte come punto di sosta. La riqualificazione quindi è un’operazione a servizio del centro visite, principale punto di riferimento e luogo di accoglienza, informazione ed orientamento degli escursionisti che intendono visitare il territorio di Acquerino-Cantagallo.

Il centro visite è dotato di sale appositamente attrezzate per l’accoglienza dei visitatori, una piccola aula per la didattica ambientale (con pannelli illustrativi, plastici e diorami naturalistici), una grande sala polivalente ed un ambiente che offre anche la possibilità di usufruire di un servizio di foresteria. Oltre al servizio di front-office offre quello di accompagnamento con guide ambientali comprendente un programma di escursioni organizzate, moduli di didattica per le scuole ed eventi tematici.

 

 

 
Azioni sul documento