Tu sei qui: Home News Coronavirus, appello dei tre sindaci della Val di Bisenzio

Coronavirus, appello dei tre sindaci della Val di Bisenzio

“Richiesto a tutti grande senso di responsabilità e fiducia nelle Istituzioni”

Appello dei sindaci di Vaiano, Vernio e Cantagallo ai cittadini della Val di Bisenzio. “In queste ore di preoccupazione chiediamo a tutti i cittadini grande senso di responsabilità e fiducia nelle istituzioni e nel servizio sanitario – affermano Guglielmo Bongiorno, Primo Bosi e Giovanni Morganti – in una situazione di criticità, seppur ben governata, è facile lasciarsi andare alla paura ingiustificata e ad atteggiamenti irrazionali. 

Invitiamo tutti  a non diffondere notizie false che rischiano soltanto di creare paure ingiustificate e danni alla vita della comunità e alle aziende del territorio e confidiamo nella maturità e nella saggezza dei cittadini della Val di Bisenzio e nella loro capacità di affrontare una situazione complessa, ma non di emergenza locale, utilizzando gli strumenti di una corretta informazione e tutte le precauzioni indicate dalle autorità sanitarie e dalla Regione Toscana.

I tre sindaci aggiungono che “la situazione viene monitorata di ora in ora e che ad ogni minima evoluzione – qualora si verificasse – corrisponderanno le misure più adeguate”.

Intanto Bongiorno, Bosi e Morganti, nel ringraziare  tutti gli operatori del Servizio Sanitario Nazionale  ed i medici di famiglia per la capacità di affrontare una situazione improvvisa ed imprevista, esprimono solidarietà e vicinanza ai territori colpiti e rivolgono “un invito pressante a seguire con rigore le indicazioni e le prescrizioni del Servizio sanitario nazionale e della Regione Toscana in ordine ai comportamenti da osservare sia per quanto riguarda la prevenzione che le eventuali situazioni sanitarie critiche che si dovessero manifestare”.

Per quanto riguarda la prevenzione, ma anche il trattamento, si ricorda che sul sito del Ministero della Salute (www.salute.gov.it)e su quello della Regione Toscana (www.regione.toscana.it) sono disponibili tutte le informazioni e gli aggiornamenti. C’è un preciso decalogo con le regole per la prevenzione che devono essere seguite consultabile a questo link: https://www.iss.it/?p=5108

infografica_coronavirus

È attivo il numero di pubblica utilità 1500 è stato attivato dal Ministro Roberto Speranza il 27 gennaio per rispondere alle domande dei cittadini sul nuovo Coronavirus 2019-nCoV. Rispondono dirigenti sanitari e mediatori culturali H 24 dalla Sala operativa del Ministero della Salute.

È in funzione il numero verde regionale, 800556060 al quale rispondono operatori adeguatamente formati. Il servizio fornisce orientamento e indicazioni sui percorsi e le iniziative individuate dalla Regione sul tema del Coronavirus. Il numero verde a cui il cittadino può rivolgersi è attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle ore 15.

Si ricorda inoltre che le  tre aziende sanitarie della Toscana hanno istituito, un numero unico aziendale, attivo dalle 8 alle 20 con operatore e interprete cinese, e dalle 20 alle 8 con segreteria telefonica. Al numero dovranno rivolgersi: i soggetti che abbiano avuto contatti stretti con casi confermati di Covid-19; e tutte le persone che negli ultimi 14 giorni abbiano fatto ingresso in Italia dopo aver soggiornato nelle aree della Cina interessate dall'epidemia. Per i soggetti che abbiano avuto contatti stretti con casi confermati, la Asl disporrà la misura della quarantena con sorveglianza attiva. Questo il numero della Asl Toscana centro (Firenze, Prato, Pistoia, Empoli): 055 5454777.

Azioni sul documento